Parrocchia Sant'Erasmo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

19_mar_2017_II_Quaresima

19 marzo 2017 - 3ª di QUARESIMA

L'acqua viva del Messia (Gv 4,10)

Carissimi,

Gesù è l'acqua viva che spegne la nostra sete più profonda, quella interiore e spirituale, quella d'eternità. Alla Samaritana in cerca di un senso per la propria esistenza, di un’acqua dissetante e inesauribile, Gesù si rivela come il Messia, colui che può soddisfare le sue esigenze profonde, il “salvatore del mondo”. Mentre la Samaritana e i discepoli sono indaffarati a cercare semplicemente un’acqua e un cibo corporali, Gesù conosce un cibo diverso, che riempie la vita e salva. All’uomo intento a soddisfare bisogni puramente fisici, Cristo propone prospettive più ampie, le esigenze dello spirito; lo apre ad interessi divini, richiama all’adorazione dell’unico Dio, vera realtà di salvezza dell’uomo.

Gesù però non impone; Egli propone: Se tu conoscessi il dono di Dio (v. 10). Cristo dona acqua viva per la vita eterna. L’acqua è un elemento fondamentale per la sussistenza umana. Attraverso questa immagine Gesù vuole sottolineare la sua capacità di comunicare all’uomo reali valori di vita che sono in grado di salvarlo. E sappiamo che essi crescono in noi nella misura in cui accogliamo e mettiamo in pratica la sua parola. Che è sempre parola di vita. La nostra vita di cristiani è chiamata a manifestare al mondo questa presenza che salva, che dà senso alla vita umana, ad ogni vita, buona festa dei papà e di San Giuseppe, don Vincenzo, don rito ed il diacono don Antonio.


NON SBAGLI, MA POSSIBILITÀ

Non sei sbagliata,

dice il Signore alla donna della Samaria.

Ma puoi crescere. Ti aiuto io, vuoi?

Non è sbagliato che tu sia donna,

anche se gli uomini si approfittano di te.

Io riconosco nell'umiltà e nel servizio la tua grandezza

e credo nella tua dignità.

Non è sbagliato che tu sia Samaritana,

anche se i colti e religiosi giudei

pensano che tu stia bestemmiando

adorando il Signore sui monti della tua regione.

Io riconosco la buona fede del tuo popolo,

e credo sia venuto il tempo di adorare ovunque lo Spirito di Dio.

Non è sbagliato che tu sia alla ricerca dell'uomo giusto,

nonostante la gente mormori contro di te

e etichetti malamente la facilità con cui cambi mariti.

Io riconosco che non hai ancora trovato la pace

ma credo che devi farla nascere prima in te.

Non sei sbagliata,

perché Dio non può essersi sbagliato nel crearti così.

Ma puoi essere più di ciò che sei,

acqua trasparente della bellezza che ti ho messo dentro

e argentina, zampillante, perennemente viva.

 

VANGELO VIVO

 

UNA OCCASIONE PER AMARE

 

Ieri sera telefono ad una mia collega. Venerdì sera suo figlio si è schiantato in macchina. È messo male, molto male per le conseguenze…anche se fuori pericolo. Questa collega mi racconta come sta il figlio, come è andato l’incidente, ad un certo punto vengono fuori tutte le sue ansie di mamma… Le accolgo, le faccio mie… riavverto che in quel momento c’è lei, solo lei…. Ma anche sento che Dio mi chiede di più… nonostante lei non sia tanto di chiesa… concludo la mia telefonata dicendogli forte che in questi giorni ho pregato tanto per suo figlio e naturalmente anche per lei e che continuo a farlo. Lei si commuove e scoppia a piangere ringraziandomi per questa cosa… Chiudendo poi la telefonata ho la netta sensazione che ho avuto questa occasione per amare Dio.

Michele

You are here: