Parrocchia Sant'Erasmo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

30 novembre 2014 - 1ª AVVENTO

Vegliate, perché non sapete quando è il momento (Mc 13,33)

30 novembre 2014 - 1ª AVVENTO

 

Carissimi, l’anno 2015, dedicato alla Vita Consacrata, ci impegna a conoscere, amare e pregare per tutti i consacrati del mondo. Vangelo, Profezia e Speranza sono i segni della vita consacrata e ci ricordano anche la nostra consacrazione battesimale. Comincia l'Avvento, l’Attesa, la Speranza si fa più viva: bisogna star di vedetta in attesa della Luce. Di Lui che viene!

In attesa del nuovo giorno la sentinella veglia aspettando che sorga l’alba. Anche noi in una attesa vigilante e operosa ci prepariamo ad accogliere il Signore che viene.

Star di vedetta significa avere il cuore desto, gli occhi spalancati, avere un cuore attento e pronto per balzare su e levarsi al primo segnale che annuncia l'arrivo di Colui che attendiamo con impazienza e amore.

Star di vedetta significa essere pronti quando arriva Colui che è luce gioiosa per tutto il mondo: il Signore Gesù.

In questa prima domenica di Avvento la comunità siamo invitati a riconoscere Dio come Salvatore: la liberazione vera e profonda che l’uomo attende non è opera sua, ma viene da Dio. Egli stesso viene incontro all’uomo in Gesù, uomo tra gli uomini.

Nel Vangelo siamo esortati a prestare attenzione e a vegliare perché nessuno conosce il momento della venuta di Colui che può liberarci e salvarci. È importante che noi siamo attenti, che vegliamo, perché potrebbe sfuggirci un’occasione preziosa per la nostra vita: l’incontro con Gesù. La vigilanza ci è richiesta per essere all’altezza della nostra umanità e della nostra fede. Costitutiva della vigilanza è l’attenzione. Si tratta di una tensione interiore di tutta la persona verso il fine assegnato alla vita. Tendere a Dio in ogni momento e occasione della vita. E ci arriviamo non da soli, ma insieme. Per questo la vigilanza ci apre ai fratelli: è amandoli che arriviamo a Dio. Chi ama il Signore lo desidera; chi lo desidera lo attende; chi lo attende veglia e non si lascia andare. Sono richiami, inviti perché il Natale non ci colga di sorpresa, inatteso spiritualmente. Gesù potrebbe ancora una volta non trovare posto e proprio nel nostro cuore.

Ognuno si senta accolto e accompagnato da Maria, colei che lo porta nel mondo. Buon Avvento dal vostro parroco don Vincenzo e dal diacono don Antonio

 

DOVE SEI, SIGNORE?

 

Se voglio cercarti, Signore,

basta che stia di vedetta

per scorgere la luce dell'amore.

Dove le persone si amano

e passano il tempo

a costruire felicità,

a recar sollievo a chi soffre,

a rendere la terra più bella,

a lottare contro la fame,

lì siamo avvolti dalla tua luce.

Perché tu, Signore,

sei presente dove ci si ama.

Basta star di vedetta

per scorgere

la luce del Vangelo.

Basta ascoltare il tuo invito,

seguire la tua parola,

aver fiducia in te,

credere che

Dio è Padre

e che il suo Spirito

ci colma di saggezza:

allora siamo immersi

nella tua luce, Signore,

perché tu sei presente,

là dove si accoglie con gioia

la tua Buona Novella.

You are here: