Parrocchia Sant'Erasmo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

1 avvento 27 nov 2016

novembre 2016 - 1ª AVVENTO

Vegliate dunque! (Mt 24,42)

Carissimi,

iniziamo un nuovo cammino di Avvento, viene un altro Natale! «Attendere: infinito del verbo amare» È una geniale affermazione di don Tonino Bello. Può essere presa come modello, guida forte e coraggiosa di questo Tempo di Avvento che oggi inizia. Avvento, dunque, come afferma Jean Galot nella preghiera, è tempo dell'attesa e della speranza, tempo della Chiesa, tempo dei desideri, di silenzio, di raccoglimento, tempo dell'accoglienza… Gesù ha dato inizio ad una nuova era, definitiva quanto alle linee maestre (la carità, la libertà...), al cui perfezionamento siamo invitati noi discepoli. La nostra fede assume così un indirizzo concreto e responsabile. La sua venuta è una liberazione: dai vari problemi del come, del quando, del perché. Da una parte ci sospinge alla fiducia nella potenza dell’amore di Dio; dall’altra ci insegna a vivere come se il Regno fosse già arrivato. Per questo l’invito: “Vegliate!”. A dirci: tutto quello che fai, fallo in modo saggio. Vivi l’attimo presente con intensità e perfezione.

Scriveva Frère Christian de Chergé martire di Cristo in Algeria nel 1997: “So di non avere altro che questo piccolo giorno di oggi da donare a Colui che mi chiama per tutti i giorni; ma come dirgli sì per tutti i giorni se non gli dono questo piccolo giorno qui... Dio ha mille anni per fare un giorno, io ho solo un giorno per fare qualcosa di eterno: oggi!”. Per questo è necessario vegliare e sappiamo che veglia chi ama, chi è nell’amore. Se chi sta per arrivare è la persona che più amiamo allora è una gioia operosa l’attesa. Viviamo questo tempo di avvento nell’amore: a Dio e al fratello che Dio ci mette accanto, don Vincenzo ed il diacono don Antonio.

Avvento tempo di…

Avvento, tempo dell'attesa e della speranza:

è la tua venuta, o Cristo, che vogliamo rivivere,

preparandoci più profondamente

nella fede e nell'amore.

Avvento, tempo della Chiesa affamata del Salvatore:

essa vuole ripeterti, volgendosi a te

con più insistenza, con un lungo sguardo,

che tu sei tutto per lei.

Avvento, tempo dei desideri più nobili dell'uomo

che più coscientemente convergono verso di te,

e che devono cercare in te, nel tuo mistero,

il loro compimento.

Avvento, tempo di silenzio e di raccoglimento,

in cui ci sforziamo d'ascoltare la Parola

che vuol venire a noi,

e di sentire i passi che si avvicinano.

Avvento, tempo dell'accoglienza

in cui tutto cerca di aprirsi,

in cui tutto vuol dilatarsi nei nostri cuori

troppo stretti,

al fine di ricevere la grandezza infinita

del Dio che viene a noi.

JEAN GALOT

You are here: