Parrocchia Sant'Erasmo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

20_mag_2018_Pentecoste

20 maggio 2018 – PENTECOSTE

Lo Spirito della verità vi guiderà a tutta la verità (Gv 16,13)

Carissimi,

è Pentecoste: festa dello Spirito Santo, dono per eccellenza di Gesù Risorto. Lo Spirito viene abbondantemente effuso sulla comunità dei primi credenti, viene donato a tutto il Corpo della Chiesa e ai singoli perché siano sostenuti nel loro impegnativo mandato di liberare il mondo dal male e rinnovare il volto dell’umanità. Lo Spirito non si comunica come possesso egoistico, come gioia e fede strettamente personali: esso è dato per “l’utilità comune”.

San Giovanni ci suggerisce che la missione dello Spirito è quella di rendere testimonianza a Gesù, al punto di essere chiamato Spirito di verità. Dato che Gesù è la Verità, è bello pensare che lo Spirito porta il cristiano ad assomigliare sempre più a Gesù. Lo Spirito ci fa comprendere che in Gesù la rivelazione di Dio ha raggiunto la sua pienezza. È lo Spirito la nuova legge del popolo di Dio, del cristiano; è Lui che ci sa trasformare in uomini nuovi, in donne nuove, donati al regno di Dio, donati ai fratelli. Ci dona il coraggio e la libertà della testimonianza e dell’annuncio. È lo Spirito che sostiene e difende dalle insidie. È lo Spirito che ci rende consapevoli della nostra fragile grandezza; per questo ci libera dall’orgoglio e dalla presunzione: c’è un Altro che agisce attraverso di noi, anche nonostante i nostri limiti.

A noi lasciarci guidare verso un amore vero e profondo. Non un amore che si nutre di parole, di dichiarazioni o di promesse, ma di concretezza, di fatti; un amore riconoscibile dai frutti che produce. Lo Spirito Santo, dono del nostro Battesimo, è già in noi, presenza discreta ma sicura. Ha soltanto bisogno di avere la libertà e lo spazio di azione, che possiamo concedergli soltanto noi e allora lo Spirito produrrà cambiamenti inspiegabili. Lo testimoniano i santi, anche nostri contemporanei. Diciamogli convinti che ci abbandoniamo con fiducia alla sua spinta, buona festa, don Vincenzo ed il diacono don Antonio

APRI LA NOSTRA ANIMA

Apri la nostra anima

al tuo Spirito, Signore.

Come pioggia che cade tranquilla,

sia vita e salute

per ogni essere vivente.

Arricchisca dei tuoi doni,

compia meraviglie sorprendenti,

ci indirizzi a santità.

Ci faccia conoscere

la vanità delle cose terrene

e l’importanza di quelle celesti.

Illumini la mente

intorno ai misteri di Dio

e alla verità del Vangelo.

Scompaia ogni dubbio,

fugato da buoni suggerimenti

e sante ispirazioni.

Sia fortificata

nel vincere le insidie

del peccato e del demonio,

fonti di ogni male.

(Beato Federico Albert)

 

VANGELO VIVO

RICOMINCIARE DA ZERO

Quando ero ancora piccolo mio padre ci ha lasciati. Mia madre è caduta in una forte depressione e ha cominciato a bere. Sono stato educato dalla nonna materna. Quando mia madre è morta, ero nel periodo dell’adolescenza e covavo in me un desiderio di vendetta. In seguito ho conosciuto una ragazza che mi ha introdotto nella sua comunità parrocchiale. Attraverso queste persone, piano piano ho scoperto Dio, la vita interiore, ritrovando pace ed equilibrio. Quando ci siamo sposati, potevo dire che quella comunità era la mia famiglia.

Un giorno, nel posto dove lavoro, è arrivato un uomo e si è presentato come mio padre. Era desolato e temeva la mia reazione. Nonostante la sorpresa, l’ho accolto con calore, gli ho parlato della bambina che era nata e l’ho invitato a casa. Dopo una settimana è venuto insieme alla sua compagna. Io e mia moglie li abbiamo accolti con grande festa e affetto. Più che nonni, ci sembravano due figli adottivi. Da allora la vita della nostra famiglia è cambiata, e anche la loro. Il passato è come se non esistesse, esiste solo la volontà di ricominciare da zero. (P.P)

You are here: