Parrocchia Sant'Erasmo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

3 maggio 2015 - 5-Pasqua

Io sono la vite, voi i tralci (Gv 15,5)

Tutto possiamo uniti a Gesù Risorto

3 maggio 2015 - 5ª di Pasqua

Carissimi,

ogni vocazione è sempre in funzione di una missione individuale e specifica, che però rientra nel progetto di salvezza del Padre: portare frutti di vita eterna. Qui si manifesta anche la fecondità della Pasqua del Cristo, che continuiamo a celebrare ogni domenica: persone normali, uomini e donne comuni che, conquistati dall'amore di Gesù e arricchiti dal «rimanere» in lui, diventano dono per i fratelli. Siamo chiamati ad essere una cosa sola in e con Gesù, ad essere a Lui uniti come i tralci alla vite. Questo è il messaggio centrale del vangelo che ascoltiamo in questa domenica! Nell’Antico Testamento si dice che Dio possiede una vigna; qui si afferma invece che Dio, Gesù stesso è la vite. Quando siamo a Lui uniti, possiamo portare frutto secondo le sue attese e per questo possiamo dirgli grazie.

Scorgiamo poi anche il tema della prova: il Padre “pota” i tralci, atto indispensabile per poter essere fecondi. Giovanni sottolinea con questa immagine che tutti, quando sono in Cristo, sono protetti, salvati e fecondi, anche se rimane la possibilità del peccato. Come possiamo vivere questa Parola? Innanzitutto riconoscendo la grandezza della nostra vita: se noi possiamo essere come i tralci uniti alla vite significa che il Signore ci ha fatti per Lui. E il modo migliore di essere riconoscenti è quello di portare frutti, che sono frutti di amore, così da prolungare nella nostra vita la vita di Gesù. Uniti al Signore Gesù possediamo la vita. Uniti a lui riceviamo forza e sicurezza. Uniti a lui portiamo frutti e possiamo gratuitamente spenderci per il prossimo e soffrire persecuzione in nome suo .Preghiamolo: aiuta noi tralci, a rimanere uniti a te, nostra vera vite, don Vincenzo ed il diacono don Antonio


È bello il tuo Vangelo

È bello il tuo Vangelo, Signore Gesù,

ha il profumo dei campi

biondeggianti di grano

e delle viti ubertose quando

qual mucche muggenti

per le poppe ripiene,

offrono grappoli profumati

di mosto imminente.

È bello il tuo Vangelo,

ma tra viti traboccanti di frutti

e campi ripieni di grano,

ci sono anch’io, Signore.

Io, tralcio senza frutto;

io, spiga senza grano.

Ho mani vuote che stringono foglie

ho cuore secco, senza più amore.

Ma anche nel buio (del nulla)

una stella risplende

e sussurra con forza.

«Tu, Maria,

tralcio più volte potato

per darci il frutto più pieno.

Tu terra che doni

il grano del Pane di vita.

Tu, Madre, intercedi

e aiutami a far crescere

anche in me, rinsecchito

come inutile tralcio

i frutti che il Padre si attende». Amen.

Giuseppe Sacino



You are here: