Parrocchia Sant'Erasmo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

16 Giugno 2015 - 11ª domenica t. ord.

Come un uomo che getta il seme sul terreno (Mc 4,26)

14 giugno 2015 - 11ª domenica t. ord.

Carissimi,

dopo la lunga interruzione della Quaresima-Pasqua e la celebrazione delle feste del Signore, la Pentecoste, il Corpus Domini, riprendiamo nella domenica il Tempo Ordinario. Esso ci presenta i fatti della vita di Gesù in forma ordinata e continua di domenica in domenica seguendo il Vangelo di san Marco.

Gesù ci parla di Dio usando immagini prese dalla vita quotidiana. È un linguaggio profondamente umano, sapienziale, concreto. Oggi Gesù ci parla del Regno servendosi dell’immagine del seme che cresce spontaneamente, anche se tra l’atto della semina e quello del raccolto passa un lungo tempo. Dio, il seminatore, sembra tacere lungo tempo prima del raccolto, come se la nostra storia sembrasse sfuggire alle sue mani provvidenti. Ma Gesù ci assicura: il tempo dell’attesa non è il tempo dell’assenza, perché il seme, nonostante le apparenze, cresce. È la forza della croce, la sua potenza nascosta nell’impotenza del Crocifisso.

Così è la Parola di Dio. Caduta nel nostro cuore, deve rimanervi, essere interiorizzata, ascoltata sempre di nuovo con perseveranza, fino a diventare nella vita quotidiana sorgente di carità, di misericordia, di perdono, di accoglienza, di condivisione. Dio è già al lavoro, ci anticipa sempre; a noi il compito di lasciarci rigenerare dalla parola che accogliamo e mettiamo in pratica, don Vincenzo ed il diacono don Antonio

 

Potenza della Parola

Attraverso la tua parola, Gesù,

attraverso le tue azioni

Dio opera nel cuore della storia.

Il piano di salvezza

che tu ci hai svelato

è veramente portentoso:

strappare l’umanità

al male e al peccato

ed offrire la possibilità

di un’esistenza nuova,

una vita buona e bella,

ispirata dal Vangelo,

sostenuta dallo Spirito.

Sì, è un progetto meraviglioso

e proprio per questo

noi ci attenderemmo

un gran dispiegamento di forze,

mezzi a profusione,

l’esibizione impressionante

della forza che viene da Dio


You are here: