Parrocchia Sant'Erasmo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

33 T.ord 15 novembre 2015

... ma le mie parole non passeranno” (Mc 13,31)

15 novembre 2015 - 33ª domenica t. ord.

Carissimi, i testi evangelici di queste domeniche per il contesto in cui sono inseriti, prossimità della passione e morte di Gesù, ci svelano la sua persona come dono e presenza d'amore del Padre, per il contesto liturgico di queste domeniche vanno letti nella prospettiva della prossimità che noi abbiamo alla venuta e piena realizzazione del Regno di Dio, cioè del ritorno glorioso di Gesù. La venuta, già «alle porte», dello Sposo-Gesù, il Figlio dell'Uomo, non deve chiuderci nell'angoscia e nella paura. Il vangelo di questa domenica ci racconta di Gesù che esce dal tempio e ne annuncia la drammatica fine. Al centro di tutto c’è l’annuncio della venuta del Figlio dell’uomo, compimento futuro del progetto di Dio. Per questo è necessario vivere in vigilante attesa e serena fortezza nelle situazioni difficili, riconoscendo che la storia è saldamente nelle mani di Dio.

Gesù, per parlare della fine dei tempi, usa il paragone del fico il cui «ramo si fa tenero» quando si avvicina l'estate. È una metafora dolce, che evoca qualche cosa di piacevole. Il fico nel linguaggio biblico, esprime la conoscenza, quella del cuore, quella che nasce da una sintonia profonda. Gesù sembra dirci: quando queste cose accadranno, l'umanità sta per entrare in comunione con il Padre, e conoscerà la dolcezza di Dio. Per questo Gesù ci ha rivelato che Dio è amore e che, per entrare nel suo Regno, dobbiamo diventargli simili, che siamo invitati, anche noi, a condividere il bene che abbiamo, che siamo, con il prossimo.

Noi che cosa possiamo fare? Vivere la parola di Dio, fare della parola di Dio che ascoltiamo una parola di vita. Se noi la mettiamo in pratica si avvera quello che Gesù dice: “le mie parole non passeranno”. È vero questo? La risposta nasce dall’esperienza. Quante volte abbiamo sperimentato che la Parola messa in pratica ha dato un sapore di eternità alla nostra vita! Proviamo ad ascoltare e a vivere le parole del Signore come Parole di Vita, vi salutiamo in Cristo, don Vincenzo e don Antonio diacono.


Il ritorno del Signore.

Per il Giorno del tuo amore,
quando ritornerai tra noi con grande gloria (Mc 13,26),
quando il cielo danzerà con la terra,
sii benedetto, Signore.
Benedetto in eterno il Signore!

Per il Giorno del tuo amore,
qunado manderai gli angeli a riunirci (Mc 13,27)
dai quattro angoli della terra nel tuo Regno,
sii benedetto, Signore.
Benedetto in eterno il Signore!

Per il Giorno del tuo amore,
quando sveglierai quelli che dormono nella polvere (Dn 12,2)
per la festa eterna nel tuo Regno,
sii benedetto, Signore.
Benedetto in eterno il Signore!

Per il Giorno del tuo amore,
quando, occhi negli occhi,
ti vedremo faccia a faccia.
sii benedetto, Signore.
Benedetto in eterno il Signore!
Tutta la nostra vita proclami che il Signore viene
e che la festa eterna sta già davanti a noi.
Amen

You are here: